Il Covid blocca di nuovo la tradizione, non ci sarà il Carnevale di Putignano 2022

Anche nel 2022 non ci sarà il carnevale di Putignano. A confermare la decisione il sindaco, Luciana Laera, con un lungo post Facebook in cui spiega le ragioni della scelta.

«Fare il sindaco significa anche avere il coraggio di prendere decisioni impopolari, non condivise da qualche cittadino – inizia Laera – In questi anni ho imparato questo. Anche quando i commenti sono cattivi e i commentatori assai, bisogna decidere con responsabilità. Di qui la scelta, non facile, di non far sfilare i carri allegorici del nostro Carnevale il prossimo febbraio».

Le motivazioni sono diverse, ma sono legate principalmente all’incertezza della situazione legata al Covid, dato che in questo momento i casi stanno aumentando, e il carnevale di Putignano è un evento che per definizione è caratterizzato da “assembramenti”.

«Davanti alle incertezze noi abbiamo scelto ancora una volta la salute dei Putignanesi – aggiunge il primo cittadino – Accogliere migliaia di turisti da ogni parte d’Italia in piena stagione invernale era un rischio che non potevamo correre, tra l’altro investendo nella manifestazione centinaia di migliaia di euro delle casse comunali. Si, abbiamo pensato anche a questo. Ai soldi dei putignanesi che devono essere investiti in una manifestazione degna di questo nome che riporterà il nostro Carnevale all’altezza della nostra storia e delle nostre possibilità».

Leggi anche:  Covid in Puglia, ricoveri sotto quota 700

«Tanti sicuramente non saranno d’accordo – conclude Laera – Io dalla mia posso dire di aver agito e di agire sempre nell’interesse del Paese. Un paese che non merita di tornare indietro. Intanto lavoriamo ai nostri riti, che dovranno sempre rispettare le limitazioni attuali, e alle grandi parate estive, che saranno inserite nel cartellone delle iniziative del territorio di Costa dei Trulli. Un’occasione per dare una nuova veste alla nostra manifestazione e dare ancora più risalto ai carri allegorici. Prepariamoci a un’edizione straordinaria oggi, per tornare a vivere il nostro Carnevale con gioia e spensieratezza domani. In un momento in cui tutti saremo più sereni».