I preziosi oggetti sacri erano stati ritrovati dagli agenti della Squadra Mobile e della Squadra Volanti della Questura di Bari.

La Polizia di Stato, a seguito della celebrazione della Santa Messa presso la Basilica di San Nicola, alla presenza del Procuratore Capo, del Prefetto e del Questore di Bari, ha proceduto alla restituzione dei gioielli e della reliquia della Santa Manna, trafugati nella notte tra il 21 ed il 22 marzo.

I preziosi oggetti sacri erano stati ritrovati dagli agenti della Squadra Mobile e della Squadra Volanti della Questura di Bari nel primo pomeriggio del 26 marzo scorso, occultati all’interno di uno zaino coperto da terra ed erba selvatica.

Leggi anche:  Bari, Festa di San Nicola, appello dalla prefettura: "Attenzione"

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica, si sono focalizzate sulla figura del presunto colpevole, il cinquantenne tunisino che aveva lasciato la propria impronta digitale sul luogo del furto, rintracciato presso un casolare alla periferia della città ed arrestato dalla Polizia la mattina del 23 marzo.

Decisiva, ai fini del ritrovamento, è stata la ricostruzione degli spostamenti che l’uomo avrebbe effettuato la notte del furto.