Una pistola a gas, riproduzione di una Glock 17, e circa 1000 euro in contanti sono stati trovati dai carabinieri in casa di uno dei due indagati per l’omicidio del 19enne di Francavilla Fontana (Brindisi), Paolo Stasi, compiuto il 9 novembre del 2022. Il giovane era stato ucciso con una pistola di piccolo calibro. La pistola a gas e il denaro sono stati sequestrati.

La persona a casa della quale sono stati ritrovati è una dei due indagati per omicidio volontario e premeditato, aggravato da futili motivi in concorso. Si tratta del ragazzo che ha da poco compiuto 18anni. Con lui è indagato anche un 19enne.

Leggi anche:  Omicidio 19enne: anche la famiglia di Paolo a 'Marcia legalità'

Il 18enne è difeso dall’avvocato Leonardo Andriulo e si è sempre dichiarato estraneo ai fatti. Cosi come l’altro indagato. Agli investigatori, tramite il suo legale, il ragazzo ha dichiarato che i soldi ritrovati a casa sua sono regali ricevuti per il suo recente compleanno. La pistola a gas, invece, secondo la versione fornita dall’indagato agli inquirenti, sarebbe solo un giocattolo. Dalla difesa è stata avanzata richiesta per il dissequestro di soldi e pistola a gas e si attende ora la decisione del Tribunale.

(ANSA)