È tempo di abbonamenti al Nuovo Teatro Verdi di Brindisi

Parte la campagna abbonamenti per la Stagione teatrale 2023-24 del Nuovo Teatro Verdi di Brindisi. Un ricco carnet di proposte che attraversa epoche, stili e generi, fra tradizione del classico ed esplorazione dei territori artistici più vivaci dalla scena contemporanea: unica opzione prevista quest’anno è l’abbonamento ai nove spettacoli inseriti nel cartellone. Si comincia con il diritto di prelazione che i vecchi abbonati all’intera stagione (format “Tricolore”) possono esercitare dal 18 al 25 settembre con conferma del proprio posto. Quella dal 27 al 29 settembre è invece la finestra a disposizione dei possessori dei vecchi abbonamenti parziali (“Blu” e “Giallo”), in questo caso però senza prelazione del posto. Lunedì 2 ottobre partono i nuovi tesseramenti. Chi acquista l’abbonamento alla stagione – sia in caso di rinnovo che di nuova sottoscrizione – ha diritto alla prelazione sul biglietto per lo spettacolo “L’uomo più crudele del mondo” con Lino Guanciale e Francesco Montanari, titolo fuori abbonamento in programma lunedì 20 novembre nel Teatro Impero, venue alternativa per via dei lavori di efficientamento al Nuovo Teatro Verdi.   

 

L’abbonamento alla stagione 2023-24 ha il costo di 207 euro nel primo settore, 171 euro nel secondo, 135 euro in galleria. Restano confermate le agevolazioni per gli studenti fino a 25 anni, 72 euro in tutti i settori.

 

I biglietti per tutti gli spettacoli saranno disponibili a partire da lunedì 23 ottobre, sia in biglietteria sia online sulla piattaforma Vivaticket, con i seguenti prezzi: 1° settore 28 euro, 2° settore 22 euro, galleria 18 euro; ingressi ridotti: 1° settore 25 euro, 2° settore 20 euro, galleria 16 euro. Studenti fino a 25 anni, 12 euro in tutti i settori; ragazzi fino a 12 anni e gruppi scolastici di almeno 15 studenti, 8 euro in tutti i settori

 

Per due spettacoli sono previste tariffe differenti. “L’uomo più crudele del mondo” con Lino Guanciale: 1° settore 30 euro, 2° settore 25 euro, galleria 22 euro; ingressi ridotti: 1° settore 27 euro, 2° settore 23 euro, galleria 20 euro. Studenti fino a 25 anni, 15 euro in tutti i settori; ragazzi fino a 12 anni e gruppi scolastici di almeno 15 studenti, 10 euro in tutti i settori

 

Meglio stasera! Quasi one man show” con Stefano De Martino: 1° settore 35 euro, 2° settore 32 euro, galleria 27 euro; ingressi ridotti: 1° settore 32 euro, 2° settore 27 euro, galleria 23 euro. Studenti fino a 25 anni, 15 euro in tutti i settori; ragazzi fino a 12 anni e gruppi scolastici di almeno 15 studenti, 10 euro in tutti i settori

 

I biglietti ridotti sono per gli under 25, adulti over 65, enti ed aziende convenzionate, studenti under 25 e ragazzi sino a 12 anni.

 

Aperture botteghino

Il botteghino del Nuovo Teatro Verdi sarà aperto nel mese di settembre nei giorni dal 18 al 22, il 25 e dal 27 al 29. A partire da lunedì 2 ottobre tutti i giorni, dal lunedì al venerdì eccetto i festivi. Orari di apertura dalle ore 11 alle 13 e dalle 16.30 alle 18.30 (info tel. 0831 562 554 oppure mail botteghino@nuovoteatroverdi.com).

Leggi anche:  E' nata Cecilia Vita: la mamma con un tumore al seno rifiuta cure e aborto. La storia di Manuela e Mirko una coppia di Brindisi

 

La Stagione artistica

Un percorso improntato alla pluralità dei generi, tra classici del teatro, riscritture, capolavori del Novecento, drammaturgia contemporanea. Si comincia il 20 novembre con uno spettacolo fuori abbonamento in programma eccezionalmente nel Teatro Impero per via dei lavori in corso nel Teatro Verdi: uccidereste l’uomo più crudele del mondo per un miliardo? Parte da qui “L’uomo più crudele del mondo”, titolo che porta in scena Lino Guanciale e Francesco Montanari. Il Verdi riapre le porte il 23 gennaio con un omaggio a Federico FelliniMonica Guerritore adatta, dirige e interpreta con Claudio Casadio il celebre “Ginger e Fred, storia di due anziani ballerini di avanspettacolo, interpretati al cinema da Giulietta Masina e Marcello Mastroianni. Il terzo appuntamento vede protagonista “Uomo e galantuomo”, il primo testo in tre atti scritto da Eduardo De Filippo in scena il 31 gennaio con Geppy e Lorenzo Gleijeses. Una commedia dal sapore ‘scarpettiano’ in cui si ritrovano tanti temi cari a Eduardo. L’eco del cinema risuona il 6 febbraio con “Perfetti sconosciuti”, trasposizione della commedia – campione d’incassi al cinema – sull’amore, sull’amicizia e sul tradimento, con Paolo Calabresi per la regia di Paolo Genovese. Massimiliano Gallo è protagonista il 16 febbraio di “Amanti”, commedia sulle relazioni di lunga durata, sull’amore, sul tradimento e sulle avventure, in definitiva sulla ricerca della felicità. Con Meglio stasera. Quasi one man show” in programma il 29 febbraio (in abbonamento) e l’1 marzo (fuori abbonamento), Stefano De Martino presenta il suo primo sorprendente spettacolo live. In scena le diverse sfaccettature di artista e anche del protagonista. Tra le novità più attese lo spettacolo “Fantozzi. Una tragedia”, in anteprima regionale il 9 marzo, con Gianni Fantoni e la regia di Davide Livermore. In scena i personaggi creati da Paolo Villaggio, autore capace di incidere come pochi altri sull’immaginario e sul linguaggio collettivo. Altro ritorno atteso dal pubblico del Verdi è quello di Emilio Solfrizzi, interprete il 24 marzo della celebre commedia L’anatra all’arancia”, titolo che riporta a un film del 1975 con la regia di Luciano Salce. Uno spettacolo intriso di dolcezza e grazia, arricchito da un’ironia elegante e tagliente. “La signora del martedì” approda il 4 aprile con protagonisti Giuliana De Sio e Alessandro Haber. La storia tratteggia ombre e luci di personaggi che la vita ha umiliato e maltrattato ma che pretendono rispetto e comprensione. La stagione si conclude il 20 (in abbonamento) e 21 aprile (fuori abbonamento) nel segno del divertimento brillante con “Taxi a due piazze”, evergreen in una nuova versione che vede al centro della scena Barbara D’Urso. Sotto l’esperta mano di Chiara Noschese la pièce assume una veste del tutto rinnovata nei dialoghi e nei contenuti, ben restituiti dall’adattamento italiano di Gianluca Ramazzotti.