Calcio dilettantistico, il consigliere regionale Luigi Caroli ha incontrato i vertici

Pubblicità

Calcio dilettantistico, il consigliere regionale Luigi Caroli ha incontrato i vertici regionali.

“Era fin troppo scontato che il Covid avesse colpito pesantemente il Calcio, specie quello dilettante costituito da società che hanno come maggior fonte di sostentamento le entrate derivanti dal botteghino, gli sponsor e le rette delle famiglie che mandano i loro figli alle Scuole: è stato utilissimo ascoltare la reale situazione nella quale versano le 700 società pugliesi, con i loro 35mila tesserati, direttamente dalla voce del presidente regionale della Federazione Italiana Gioco Calcio, Vito Tisci.

“Il divieto degli sport di contatto ha imposto infatti la chiusura totale che ormai dura da tre mesi (25 ottobre) con una probabilità di ripresa molto lontana -stando al DPCM-, il 7 marzo prossimo.

“Una chiusura che equivale a una lunga agonia, che potrebbe indurre alcune società a chiudere i battenti per sempre.

“Per questo l’appello di Tisci alla Regione Puglia non deve cadere nel vuoto: la richiesta è di contributi straordinari, ma non a pioggia. Con la Regione che potrebbe farsi carico anche di alcune spese straordinarie che le società – a cominciare da quelle impegnate nel campionato di Eccellenza – sono costrette a sostenere causa Covid: tamponi – che potrebbero essere presi in carico dalle Asl-, disinfettanti, sanificazioni.

“Per definire questo percorso è stato deciso l’insediamento di un Tavolo tecnico che prevede la presenza dei componenti della seconda commissione e dell’assessore allo Sport e al Bilancio, Raffaele Piemontese, dei rappresentanti del mondo calcistico, sia dilettante che professionista, sia giovanile, e del presidente pugliese della FIGC, Tisci. Un risultato di non poco conto”