L’iniziativa fa parte della rassegna «Un mare di eventi» promossa dall’Amministrazione comunale di Brindisi.

Un viaggio tra pianeti, stelle, moti celesti, nebulose, galassie. «Il cielo d’estate» è il titolo dell’osservazione guidata delle costellazioni in programma giovedì 28 luglio, con inizio alle ore 22, presso l’isola di Sant’Andrea di Brindisi – nell’area del vecchio faro di Punta Riso. L’iniziativa fa parte della rassegna «Un mare di eventi» promossa dall’Amministrazione comunale di Brindisi. Un giro nel “buio infinito” attorno a miti e divinità che hanno avvolto di mistero lo studio delle stelle. L’ingresso è gratuito previa prenotazione, fino ad esaurimento di 40 posti, sulla pagina di Eventbrite rebrand.ly/Costellazioni.

Ogni notte serena mette in scena lo spettacolo dell’universo: costellazioni che parlano di miti antichissimi, migliaia di stelle che sfilano, con il passare delle ore, alla luce fioca della Via Lattea che occhieggia, quasi allo zenit, nel cielo estivo. Guidati da Cosimo Galasso, studioso astrofilo, i partecipanti saranno immersi nel suggestivo spettacolo del cielo vivendo da protagonisti un viaggio attraverso lo spazio e il tempo, dall’astrofisica alla mitologia. Una “passeggiata” astronomica con l’occhio del telescopio per osservare da vicino “il cielo stellato sopra di noi”.

Leggi anche:  Addio a mister Gianni Di Marzio: allenò la Brindisi Sport in Serie B

La passeggiata tra le stelle inizierà in una zona del cielo, che è possibile esplorare in ogni periodo dell’anno: quella intorno al Polo Nord celeste. Identificata la Stella Polare, utilizzando il Grande Carro con la tecnica degli antichi navigatori, saranno “inseguiti” allineamenti immaginari per circoscrivere le principali costellazioni estive. Saranno indagate le diverse tipologie di stelle e le evoluzioni del cielo con il trascorrere delle ore, delle stagioni e dal Polo Nord all’Equatore. Non mancheranno il tema dell’inquinamento luminoso, il fenomeno delle “stelle cadenti”, i principali pianeti del Sistema solare, le loro lune e gli eventuali anelli. La visita sposterà il focus sull’alone stellare della Via Lattea, la nostra galassia con le costellazioni di Scorpione, Sagittario e Bilancia, per poi dare cenni sugli oggetti dello spazio profondo come nebulose e ammassi stellari, e infine soffermarsi sulla nascita, la vita e la morte delle stelle.