“Incontro informale, in Conferenza delle Regioni sarà ufficializzata la proposta del Governo. La Puglia contraria a ipotesi di trattenere gettito fiscale nelle regioni più ricche a danno di quelle più povere”.

“Stamattina abbiamo risposto ad una convocazione informale del ministro Calderoli per cominciare a discutere della autonomia differenziata. Per una ragione di cortesia istituzionale la Regione Puglia e anche altre regioni italiane hanno aderito a questo invito. Questo ci ha consentito di comprendere che c’è una grande fretta da parte del Governo di mettere a punto una strategia sull’autonomia differenziata, un tema che fa parte del programma del governo Meloni”.

Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano al termine dell’incontro a Roma nella sede del Ministero degli Affari Regionali.
Rispondendo alle domande dei cronisti, Emiliano ha dichiarato: “Il Partito Democratico, e ho appena parlato con il segretario Enrico Letta, ritiene che in questo momento ci siano altre priorità nel Paese. Ma il governo ha invece altre intenzioni, dunque è diritto-dovere delle Regioni interloquire con il governo stesso e di far conoscere il parere delle Regioni. Tutto questo però è avvenuto oggi a livello informale, quindi ci attendiamo a brevissima scadenza la presenza del ministro nella Conferenza delle Regioni, in modo tale che possa ufficializzare la sua proposta sull’autonomia differenziata e consentire poi a ciascuno di esprimere il proprio punto di vista.
“Una situazione non consueta – ha aggiunto Emiliano – è la prima volta che partecipo ad una riunione informale”.

Leggi anche:  Regione Puglia con 12 imprese del settore arredamento e design negli Stati Uniti per High Point Fall Market

“Da presidente della Regione Puglia – ha detto Emiliano – sono nettamente contrario a qualunque ipotesi di trattenere gettito fiscale nelle regioni più ricche a danno di quelle più povere. L’attuale sistema fondato sul fondo di perequazione che crea solidarietà tra regioni più ricche e regioni più povere, ritengo sia il sistema più corretto”.

“Penso che la gentilezza con la quale siamo stati ricevuti dal ministro vada ricompensata con l’attenzione. Ma nulla di più” ha concluso il presidente Emiliano.