Medici e infermieri No Vax, la Regione Puglia chiede gli elenchi alle Asl.

390
Pubblicità

Medici e infermieri No Vax, la Regione Puglia chiede gli elenchi alle Asl. La richiesta porta la firma del direttore del dipartimento Promozione della salute, Vito Montanaro.

La Regione Puglia ha chiesto alle Asl e agli ordini professionali dei medici, degli infermieri e dei farmacisti, gli elenchi degli operatori sanitari che ad oggi non si sono vaccinati contro il Covid 19. La richiesta porta la firma del direttore del dipartimento Promozione della salute, Vito Montanaro.

“Abbiamo chiesto di avere le liste entro domani, 6 aprile”, spiega Montanaro. “E’ necessario conoscere chi siano i farmacisti che non si sono vaccinati perché non possono essere impiegati nella campagna di vaccinazione contro il Covid. Per quanto riguarda i medici e gli infermieri, è evidente che se non sono vaccinati, non possono essere impiegati nelle attività di reparto: sono un rischio per i pazienti e per se stessi. E’ nostro dovere, invece, garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro, come previsto dalle disposizioni di legge”.

Il decreto stabilisce che gli operatori che non si vaccinano non potranno esercitare la professione e dovranno essere destinati a svolgere altri compiti. Se non ci dovessero essere mansioni alternative, scatterà l’immediata sospensione non retribuita. La sospensione finirà solo una volta effettuata la vaccinazione”.

Vaccini e furbetti, Amati: “Ancora niente elenco, ma siamo all’incredibile: dirigente chiede permesso per fare proprio dovere”

“Ancora niente sulla richiesta dell’elenco vaccinati per scovare i furbetti. Mi è stato accolto il reclamo, ho presentato un sollecito e il dirigente che fa? Chiede il permesso agli organi d’indirizzo politico per compiere un atto di gestione, cioè rilasciarmi l’elenco. Una storia incredibile. Ma qual è la paura che nasconde quest’atteggiamento?”.

Lo dichiara il presidente della Commissione regionale Bilancio e Programmazione, Fabiano Amati.

“Due giorni fa – prosegue il consigliere regionale – ho invocato nuovamente l’intervento della presidenza del Consiglio regionale per ottenere l’elenco dei cittadini pugliesi sottoposti a vaccinazione anti-Covid. E invece di ottenere finalmente l’elenco e scongiurare questa perdurante inerzia, mi viene recapitata per conoscenza una lettera rivolta alla segreteria generale della Giunta regionale per chiedere indicazioni e istruzioni, avvertendo che in caso di mancate indicazioni si procederà al rilascio degli elenchi. Assenza di indicazioni? C’è la legge, c’è la decisione su un reclamo, c’è il potere di gestione del dirigente. E dobbiamo aspettare indicazioni dall’organo d’indirizzo politico?”.

“Questa storia – sottolinea Amati – sta assumendo contorni surreali, con una pericolosa sovrapposizione tra le funzioni di gestione e quelle d’indirizzo politico, che francamente non si addicono alle norme, alla logica, al buon senso e pure al nostro sistema costituzionale. Spero di poter avere al più presto l’elenco dei vaccinati, al fine di effettuare il mio dovere di controllo, evitando – conclude – questi improduttivi e dolorosi confronti tra persone operanti per la stessa pubblica amministrazione”.