Nasce la prima biblioteca dedicata alla Comunicazione in Puglia. L’idea è del Corecom Puglia e ha subito trovato il favore della Presidenza

18
Pubblicità
Volantino Spazio Conad Mesagne

Lo scopo è offrire un’opportunità di approfondimento tematico e di riflessione sul mondo della comunicazione e sugli strumenti del comunicare.

Sarà incardinata all’interno della Biblioteca regionale, la Teca del Mediterraneo, e aperta a tutti i cittadini pugliesi, in particolare, agli studenti degli Istituti scolastici e del Master in giornalismo dell’Ordine della Puglia.

“Nei tempi che stiamo vivendo – ha detto la Presidente del Consiglio regionale, Loredana Capone – emerge in maniera sempre più netta quanto le scelte dei registri comunicativi e gli strumenti di comunicazione possano incidere significativamente sulle comunità. Abbiamo quindi bisogno di osservare e studiare per avere sempre più mezzi per orientarci. Per questo sosterremo con tutte le nostre energie l’iniziativa del Corecom che, attraverso il patrimonio materiale della sezione sulla comunicazione, sommato al patrimonio immateriale dei nostri giovani studenti, saprà dare un contributo fondamentale alla nostra regione”.

Duecento volumi su temi della comunicazione scelti dal Corecom, in collaborazione con il dipartimento Forpsicom dell’Università di Bari, che esaminano le trasformazioni degli ultimi anni del comparto massmediologico, del linguaggio televisivo e radiofonico, della comunicazione politica, della sociologia della comunicazione, dell’immagine della donna nel racconto nei mezzi di comunicazione, della pubblicità, della storia della comunicazione, della comunicazione politica nell’era digitale, della disinformazione, delle controculture femminili, degli stereotipi in pubblicità, dei media digitali, di media e minori, della “fabbrica” dell’informazione in genere, del populismo digitale, della post-verità, fake news, big data, solo per citare qualche tema scelto.

“La nostra società – ha aggiunto la Presidente del Corecom, Lorena Saracino – dipende sempre più macroscopicamente dalle tecnologie dell’informazione e della comunicazione sia per il suo funzionamento che per il suo sviluppo, come la pandemia da Covid 19 ha del resto ulteriormente dimostrato. Ed è necessario per tutti i cittadini comprenderne la portata e approfondire questi temi. D’altra parte vogliamo essere vicini alle famiglie che in questo momento così delicato, a causa del covid, hanno subito gravi contraccolpi economici e spesso hanno perfino difficoltà nell’acquisto dei libri”.

È possibile consultare i testi disponibili sul catalogo del sito della Biblioteca regionale e su quello del Corecom. Il Corecom, inoltre, metterà a disposizione del pubblico anche la consultazione delle proprie ricerche realizzate negli anni. Tra queste, le ricerche costruite anche attraverso forme di collaborazione con le università pugliesi e i centri di ricerca di maggior prestigio in regione.

Ma la “biblioteca della comunicazione” non è la sola novità della collaborazione sinergica tra il Consiglio regionale della Puglia e il Corecom perché, a partire da quest’anno, per la prima volta, vedrà la luce anche la Borsa di studio per giovani laureati pugliesi che abbiano elaborato una tesi magistrale sul tema della comunicazione.

La borsa di studio vuole essere un incentivo al perfezionamento professionale e scientifico dei giovani laureati pugliesi sulle materie inerenti le attività del Corecom: comunicazione politica e istituzionale, media e minori, mass media e cultura digitale.