Lo sguardo verso il futuro, potendo contare su basi solide in una comune volontà: valorizzare il territorio. Un territorio fatto di tante eccellenze nel settore viti-vinicolo in Puglia con le quali la delegazione di Brindisi dell’Ais (Associazione italiana sommelier) da tempo ha avviato un confronto costante. E lo scambio di auguri natalizi è stata l’occasione per visitare e conoscere da vicino una realtà che da tempo è ai vertici del settore enologico pugliese, ma non solo. I soci dell’Ais Brindisi si sono ritrovati infatti a Manduria nell’azienda “Gianfranco Fino Viticoltore”.

Con l’Ais di Brindisi anche il presidente dell’Ais Puglia Giacomo D’Ambruoso che ha partecipato alla serata. Il delegato di Brindisi Rocco Caliandro ha tracciato un bilancio delle attività svolte durante gli ultimi 12 mesi. «La visita da Gianfranco Fino, che ringrazio per l’ospitalità e l’attenzione che ha avuto nei confronti della nostra delegazione, chiude un anno per noi dell’Ais Brindisi molto intenso. Il 2022 è stato l’anno della ripartenza, con l’attivazione di nuovi corsi ed una serie di eventi. Ma è stato anche un anno in cui abbiamo continuato a portare avanti importanti sinergie con produttori allo scopo di promuovere in maniera concreta la crescita esponenziale che l’Alto Salento e la Valle D’Itria hanno avuto negli anni in questo settore». Un lavoro destinato a proseguire anche per il 2023.

Leggi anche:  "Il Miles Gloriosus", al Verdi la commedia comica di Plauto

«Siamo in piena preparazione di quelle che saranno alcune iniziative, non solo didattiche, che interesseranno la nostra delegazione. L’obiettivo – conclude Caliandro- è quello di fare sempre più squadra, lavorare in sinergia, mettere a disposizione del territorio le nostre conoscenze: solo così questa porzione di Puglia potrà continuare stabilmente a consolidarsi nel panorama vitivinicolo non solo regionale»